Il festival

Siamo a 2000 metri di quota: il Cervino CineMountain è il Festival internazionale di film di montagna più alto d’Europa. Dal 1998, in piena estate, Breuil- Cervinia e Valtournenche si trasformano in una sala cinematografica, ma soprattutto in un luogo dove si crea una cultura comune e si nutre un immaginario potente ed evocativo, prevalentemente attraverso i film, ma anche gli spettacoli e le performance.

Il Festival svela e mette in luce la relazione tra la montagna e la sua narrazione, tra l’epicità dell’avventura e la sua messa in scena cinematografica. La sagoma inconfondibile del Cervino si affaccia su questo palco naturale come una quinta teatrale, manifesto vivente – dello spirito del festival.

Evento centrale della programmazione culturale estiva della regione Valle d’Aosta, il Cervino CineMountain viene definito come l’Oscar dei film di montagna. Ed è proprio questa la sua caratteristica più speciale: in una settimana il pubblico trova riuniti in cartellone tutti i film che hanno entusiasmato le platee dei più noti festival internazionali, provenienti dal circuito dell’International Alliance for Mountain Film: da quello di Trento a quello di Katmandu, passando per le rassegne più importanti ai 4 angoli del globo. Tra queste pellicole viene selezionata la vincitrice, a cui è assegnato il Grand Prix des Festivals – Conseil de la Vallée. È una sintesi della migliore e più recente produzione cinematografica internazionale dedicata al tema: i film che hanno fatto incetta di premi confluiscono in questa sintesi che racconta lo “stato dell’arte” della filmografia di montagna.

La rassegna, diretta da Luisa Montrosset e Luca Bich, vuole fare luce inoltre sul concetto di montagna come patrimonio: in quanto tale non è eterno né infinito, può essere sfruttato, dilapidato e consumato. Un bene fragile dal punto di vista ambientale, che richiede una consapevolezza particolare, una coscienza vigile e allenata e un maggior dispendio di energie. Raccontarla significa in un certo qual modo proteggerla, ed è una responsabilità condivisa, così come sono condivise le emozioni che regala questo ambiente.

La giuria, diversa ogni anno, è un team internazionale composto da registi, critici, alpinisti, attori, letterati legati al mondo del cinema e della montagna.

Il Cervino CineMountain è una manifestazione voluta e promossa dal Comune di Valtournenche e organizzata dall’Associazione Culturale Monte Cervino.

Negli anni il Festival ha ospitato nomi del calibro di Walter Bonatti, Erri De Luca, Enrico Camanni, Paolo Villaggio, Renato Pozzetto, Manolo, Amanda Sandrelli, Irene Grandi, Igor Man, Simon e Samuel Anthamatten, Kurt Diemberger, Stephen Venables, Silvio Mondinelli, Antoine Le Menestrel, Ben Moon, Simone Moro, Hans Kammerlander, Nives Meroi, Alex Bellini, Christophe Profit, Hervé Barmasse, Alessandro Gogna, Adam Ondra, Isolde Kostner, Christian Ghedina, Herbert Plank, Antoine Dénériaz, Mauro Corona, Richard Galliano, Javier Girotto, Catherine Destivelle, Mario Tozzi, Bahman Ghobadi, Claudio Chiappucci e Ivan Basso, Giovanni Soldini e tanti altri registi, attori, scrittori, giornalisti, musicisti, alpinisti, climbers, sportivi dell’estremo.

I premi

  • Grand Prix des festivals – Conseil de la Vallée d’Aoste, per il migliore dei Grands Prix dei festival facenti parte dell’International Alliance for Mountain Film, l’Oscar dei film di montagna.
  • Premio “montagnes du monde”, per il miglior lungometraggio straniero
  • Premio “montagne d’Italia”, per il miglior film italiano
  • Premio Club Alpino Italiano, per il miglior film d’alpinismo
  • Premio “SONY”, per la migliore fotografia
  • Premio “montagne tout-court” per il miglior cortometraggio
  • Premio Film Commission Valle d’Aosta, per il miglior film valdostano
  • Premio del Pubblico

I direttori

Il Cervino CineMountain ha scelto la formula della co-direzione puntando sulla complementarità dei ruoli:

Luisa Montrosset, che da anni opera in ambito europeo, si adopera per allargare gli orizzonti della manifestazione creando partenariati e nuove collaborazioni sul territorio regionale, nazionale ed europeo.

Luca Bich, laureato in cinematografia documentaria presso il DAMS di Bologna; nel 1992 realizza e organizza la rassegna itinerante Filmontagna, e dal 1995 la rassegna Strade del Cinema, divenuta successivamente festival internazionale del cinema muto musicato dal vivo. Regista anch’esso, è un esperto di filmografia di montagna e di antropologia visuale.

STAFF

Luisa Montrosset e Luca Bich Direttori artistici / Artistic directors
Gian Luca Rossi Programmazione e coordinamento / programming and coordination
FLUIDA Comunicazione Ufficio stampa / Press office / comunicazione social / Web site and social networking
William Novelli Sito web
Seana Kevany Traduzioni / Translations
Filippo Maria Pontiggia, Gael Truc Foto e video / Photo and video
Andrea Carlotto Servizi proiezione / Screenig services
Francesco Martinet Sottotitoli / Subtitles
MLAB Servizi tecnici / Technical services
Arianna Cento, Cindy Juglair, Giulia Curatoli, Jacques Martinet Accoglienza, biglietteria, logistica e promozione / Reception, ticketing, logistics and promotion
Edoardo Demagistri per BINARIA / Libreria del Festival/Festival Library
Carmelo Termine Amministrazione / Administrative office

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email

Newsletter

Non perderti nessuna news
sul Festival del Cinema di Montagna più alto d'Europa!

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza su questo sito. Continuando a utilizzare questo sito accetti l’utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni.