IL TEMPO SI È FERMATO Concerto-omaggio per Ermanno Olmi

SABATO 11 AGOSTO, ORE 21:00
Piazzetta delle Guide, Valtournenche

con Manu Delago Ensemble
Manu Delago – handpans / Christoph Pepe Auer – clarinets, saxophone / Claudia Norz – violin / Chris Norz – percussions introduce /introduces Enrico Montrosset

Uomo curioso e timido, umile e schietto come i protagonisti di quell’Italia (ancora) rurale che ha cantato con intensa partecipazione, Ermanno Olmi è stato il singolare maestro di un cinema fuori dagli schemi, tanto rigoroso quanto imprevedibile: un vero poeta della visione la cui filmografia ha intrattenuto, fin dagli esordi documentaristici, una frequentazione tutt’altro che occasionale con l’ambiente e le genti delle Alpi, esplicitata magistralmente nel manifesto-capolavoro “Il tempo si è fermato” (1959), emozionante parabola sul rapporto fra gli uomini e la natura, girata con attori non professionisti e il suono in presa diretta. A pochi mesi dalla sua scomparsa, il Cervino Cinemountain è onorato di ricordare questo eccezionale artigiano dello sguardo, con un concerto per immagini affidato al talento di Manu Delago, virtuoso dell’hang e compositore di fama internazionale: un omaggio che è anche l’incontro di due artisti, di due epoche, di due sensibilità e di un amore comune per la montagna.

Ermanno Olmi

Ermanno Olmi (Bergamo 1931 – Asiago 2018) è stato uno dei più importanti registi italiani. Fra i suoi film più celebri ricordiamo “Il Posto” (1961, Premio della critica a Venezia), “L’albero degli zoccoli” (Palma d’oro a Cannes nel 1978), “Lunga vita alla Signora!” (1987) e “La leggenda del Santo Bevitore” (1988), rispettivamente Leone d’Argento e Leone d’Oro alla Mostra del cinema di Venezia, dove ha ricevuto, nel 2008, il Leone d’Oro alla carriera. Nel 2012 gli è stato assegnato il prestigioso Grand Prix dell’International Alliance for Mountain Film, l’associazione che riunisce i più importanti festival di cinema di montagna nel mondo (di cui il Cervino Cinemountain è fra i soci fondatori), “per la sua opera di valorizzazione del cinema di montagna, attraverso importanti film documentari e a soggetto e per aver avviato una scuola di cinema di settore”.

Manu Delago

Manu Delago, strumentista e compositore austriaco, diplomato in percussioni classiche nella sua città natale, Innsbruck, si è trasferito a Londra per studiare batteria e composizione jazz, scoprendo l’Hang – uno strumento musicale creato in Svizzera nel 2000 – di cui è diventato uno dei massimi interpreti mondiali. Con oltre tre milioni di visualizzazioni, il suo brano solista “Mono Desire” è diventato il video di Hang più popolare in rete, inserito nella Top30 di Youtube.
Manu Delago ha pubblicato numerosi album e si è esibito in prestigiose sedi in tutto il mondo, collaborando con artisti come Björk, Shpongle, Bugge Wesseltoft, Didier Lockwood e -come solista- con la London Symphony Orchestra.

Like this article?

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su pinterest
Share on Pinterest