SABATO 11 AGOSTO, ORE 21:00
Piazzetta delle Guide, Valtournenche

IL TEMPO SI È FERMATO
Concerto-omaggio per Ermanno Olmi

con Manu Delago Ensemble
Manu Delago – handpans / Christoph Pepe Auer – clarinets, saxophone / Claudia Norz – violin / Chris Norz – percussions introduce /introduces Enrico Montrosset

Uomo curioso e timido, umile e schietto come i protagonisti di quell’Italia (ancora) rurale che ha cantato con intensa partecipazione, Ermanno Olmi è stato il singolare maestro di un cinema fuori dagli schemi, tanto rigoroso quanto imprevedibile: un vero poeta della visione la cui filmografia ha intrattenuto, fin dagli esordi documentaristici, una frequentazione tutt’altro che occasionale con l’ambiente e le genti delle Alpi, esplicitata magistralmente nel manifesto-capolavoro “Il tempo si è fermato” (1959), emozionante parabola sul rapporto fra gli uomini e la natura, girata con attori non professionisti e il suono in presa diretta. A pochi mesi dalla sua scomparsa, il Cervino Cinemountain è onorato di ricordare questo eccezionale artigiano dello sguardo, con un concerto per immagini affidato al talento di Manu Delago, virtuoso dell’hang e compositore di fama internazionale: un omaggio che è anche l’incontro di due artisti, di due epoche, di due sensibilità e di un amore comune per la montagna.

Ermanno Olmi

Ermanno Olmi (Bergamo 1931 – Asiago 2018) è stato uno dei più importanti registi italiani. Fra i suoi film più celebri ricordiamo “Il Posto” (1961, Premio della critica a Venezia), “L’albero degli zoccoli” (Palma d’oro a Cannes nel 1978), “Lunga vita alla Signora!” (1987) e “La leggenda del Santo Bevitore” (1988), rispettivamente Leone d’Argento e Leone d’Oro alla Mostra del cinema di Venezia, dove ha ricevuto, nel 2008, il Leone d’Oro alla carriera. Nel 2012 gli è stato assegnato il prestigioso Grand Prix dell’International Alliance for Mountain Film, l’associazione che riunisce i più importanti festival di cinema di montagna nel mondo (di cui il Cervino Cinemountain è fra i soci fondatori), “per la sua opera di valorizzazione del cinema di montagna, attraverso importanti film documentari e a soggetto e per aver avviato una scuola di cinema di settore”.

Manu Delago

Manu Delago, strumentista e compositore austriaco, diplomato in percussioni classiche nella sua città natale, Innsbruck, si è trasferito a Londra per studiare batteria e composizione jazz, scoprendo l’Hang – uno strumento musicale creato in Svizzera nel 2000 – di cui è diventato uno dei massimi interpreti mondiali. Con oltre tre milioni di visualizzazioni, il suo brano solista “Mono Desire” è diventato il video di Hang più popolare in rete, inserito nella Top30 di Youtube.
Manu Delago ha pubblicato numerosi album e si è esibito in prestigiose sedi in tutto il mondo, collaborando con artisti come Björk, Shpongle, Bugge Wesseltoft, Didier Lockwood e -come solista- con la London Symphony Orchestra.