L’AVVENTURA NON FINISCE QUA dialogo fra vette e flutti

MERCOLEDI 8 AGOSTO, ORE 21:00
Centro Congressi, Valtournenche

con Giovanni Soldini e Hervé Barmasse
conduce Luca Castaldini (Gazzetta dello Sport)
Due uomini d’avventura, capaci di sognare e far sognare, affrontando l’ignoto e le insidie della natura.
Due forme di viaggio: una orizzontale, attraverso mari e oceani, e una verticale, lungo pareti di roccia e di ghiaccio.
Giovanni Soldini ed Hervé Barmasse, punte di diamante della vela e dell’alpinismo italiani, incarnano, con le loro imprese e le loro concezioni, due versioni contemporanee del mito di Ulisse: cosa li muove alla ricerca di sempre nuovi limiti e di orizzonti non ancora esplorati? Cosa accomuna due mondi apparentemente così lontani? Quali sono le sfide che devono ancora affrontare gli uomini (non solo) d’avventura del ventunesimo secolo?

Giovanni Soldini

Nasce a Milano il 16 maggio 1966 e comincia a fare vela fin da bambino. Ha alle spalle 25 anni di regate oceaniche, tra cui due giri del mondo in solitario (l’Around Alone, vinto nel 1999 e il Boc Challenge del 1995, dove si qualifica secondo assoluto), sei Québec-Saint Malo, sei Ostar , tre Transat Jacques Vabre e più di 40 transoceaniche, con una collezione in- credibile di vittorie e piazzamenti. Ha stabilito importanti primati, come i record della Cadice-San Salvador (2012), della New York-San Francisco Gold Route (2013) e della Rotta del Tè, stabilito nel 2015 sulla tratta San Francisco-Shanghai. Il 23 febbraio 2018, ha portato a termine la Hong- Kong – Londra a bordo del trimarano Maserati Multi 70 in 36 giorni, 2 ore, 37 minuti e 2 secondi, riducendo di ben 5 giorni il precedente record della traversata.

Hervé Barmasse

Hervé Barmasse è un alpinista e regista di film di montagna (“Non così lontano”, “Linea continua”). Guida alpina del Cervino da quattro genera- zioni, il suo nome è legato a importanti ascensioni realizzate in tutto il mondo, dalle Alpi alla Patagonia, dalla Cina al Pakistan. Sulla sua mon- tagna di casa, il Cervino, Hervé ha lasciato in modo incisivo la sua traccia fino a diventare l’alpinista che, tra vie nuove,prime invernali e prime so- litarie, ha compiuto più exploits. Si è reso protagonista di un’ascensione esemplare in Himalaya salendo in stile alpino la Parete Sud dello Shisha Pangma 8027m in appena 13 ore. “La montagna dentro” (2015) è la sua prima fatica letteraria. Un libro in cui l’alpinista viene dopo l’uomo che pure affronta imprese straordinarie.

Like this article?

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su pinterest
Share on Pinterest