REALITY OR NOT REALITY

con / with
Jane Alexander, Filippo Facci, Alessandro Gogna, Giovanna Mongilardi, Andrea Perrod, Roberto Rossi e Vincenzo Torti, conduce Enrico Martinet (La Stampa)

 

Com’è difficile portare l’alpinismo in tv. E com’è difficile farlo in prima serata, attraverso un gioco fra squadre che si sfidano per raggiungere la vetta più alta d’Europa. “Monte Bianco – Sfida verticale”, la trasmissione Rai condotta da Caterina Balivo, affiancata dall’alpinista Simone Moro, è stata al centro dell’attenzione, quindi della polemica non solo televisiva. Il mondo dell’alpinismo si è diviso. Il programma di Rai2 non ha avuto un grande successo, lo share è andato via via scemando, tuttavia per molti commentatori è stato “un buon traino” per il mondo della montagna. Per altri è stato “un esempio deleterio”. Lo stesso Simone Moro ha precisato più volte durante il programma che l’alpinismo non va inteso come una sfida tra squadre. Nonostante i distinguo, le attenzioni, Simone Moro è stato attaccato anche in modo pesante. A freddo, quindi, a distanza di un anno, durante il Cervino CineMountain una tavola rotonda vuole ripercorrere il dibattito e offrire una chiave di lettura tentando di dare risposta ai tanti interrogativi su come parlare in televisione di montagna. Dopo la deludente fiction, sempre in Rai, della spedizione italiana al K2, anche la formula del gioco non ha sortito lo scopo voluto: raggiungere il successo attraverso un racconto sulla montagna.

 

Jane Alexander

Nata in Inghilterra ma trasferitasi a Roma fin da bambina, inizia la sua carriera come doppiatrice e modella, diventando poi attrice e conduttrice televisiva (L’Uomo delle Stelle di Giuseppe Tornatore, Prendimi l’Anima di Roberto Faenza; tra le fiction più famose Elisa di Rivombrosa, La Freccia Nera, Il Commissario Manara, e come conduttrice Mistero, Call Game Zengi, Volo in Diretta, Il Mattino Dopo). Nel 2012 ha condotto l’edizione estiva di In Onda (La7) e partecipato a innumerevoli trasmissioni televisive. Ha partecipato a “Monte Bianco – Sfida Verticale” in cordata con la guida Roberto Rossi ed è arrivata terza nella sfida, uscendo alla semifinale.

 

Filippo Facci

Giornalista e scrittore è oggi editorialista di Libero e ha collaborato con le più importanti testate italiane (Repubblica, L’Avanti, Il Riformista, Il Foglio, Il Giornale); tra i suoi libri Uomini che Amano Troppo, Misteri per Orchestra, Di Pietro – la storia vera, Note di Note, parole per raccontare la musica di un ipocondriaco di talento. Nel 2012 ha condotto insieme a Natascha Lusenti In onda estate (LA7). Ha partecipato a “Monte Bianco – Sfida verticale” in cordata con la guida Andrea Perrod ed è arrivato secondo nella sfida, raggiungendo la cima del Monte Bianco dietro alla cordata di Gianluca Zambrotta e Giovanna Mongilardi.

 

Alessandro Gogna

Guida alpina, storico dell’alpinismo, scrittore (Grandes Jorasses Sperone Walker Un alpinismo di ricerca, Cento nuovi mattini, Mezzogiorno di pietra, Rock Story, Dolomiti e calcari di Nord-est, La Pietra dei Sogni) e
alpinista di fama internazionale; tra le sue salite la prima ascensione al Naso di Z’mutt al Cervino (1969), alla parete sud delle Grandes Jorasses (1972) e la prima solitaria dello sperone Cassin alla Punta Walker delle Grandes Jorasses (1968). È fondatore e attuale garante di Mountain Wilderness.

 

Giovanna Mongilardi

Aspirante Guida nel 2006 e Guida Alpina nel 2009 presso la Società Guide del Gran Paradiso. È Ingegnere chimico, laureata al Politecnico di Torino nel 2000. La sua “fame” di montagna l’ha condotta nei templi dell’arrampicata sportiva: Kalymnos, Sardegna, Verdon, Buoux, ma anche a salire le più alte ed affascinanti vette delle Alpi per le vie classiche, oltre ad alcune ascensioni in Perù e nel Nord dell’India. In cordata insieme a Gianluca Zambrotta ha vinto “Monte Bianco – Sfida Verticale”, raggiungendo la vetta del tetto d’Europa.

 

Andrea Perrod

Una passione innata per la montagna in cui è nato e che ha frequentato fin da quando era bambino lo porta nel 1989 a diventare aspirante guida alpina e dal 1992 guida alpina dell’UIAGM in seno alla Società delle Guide Alpine di La Thuile. Dal 1989 è membro del Soccorso Alpino Valdostano, tecnico di elisoccorso e responsabile della Stazione di Soccorso Alpino di La Thuile. Ha partecipato a “Monte Bianco – Sfida Verticale” in cordata con Filippo Facci.

 

Roberto Rossi

Laureato in Biologia, con un Master in tecnologie ambientali alle spalle, lascia Torino per trasferirsi a Cervinia e diventare guida alpina nel 2003 e istruttore nel 2007. La passione per la montagna gli è stata trasmessa dal padre, Arrigo Rossi. È un appassionato di alpinismo classico, ma pratica anche roccia, free ride e sci ripido. Ha viaggiato il mondo scalando le vette più alte di Nepal, Tibet, Marocco, Bolivia, Ecuador e Patagonia.

 

Vincenzo Torti

Presidente Generale del Club Alpino Italiano dal 2016; avvocato, classe 1950, è socio della Sezione CAI di Giussano dal 1952, della quale è stato presidente per tre mandati. Tra le cariche ricoperte in passato nel CAI nazionale, quella di componente del Comitato Direttivo Centrale dal 2005 al 2009 e di Vicepresidente generale dal 2009 al 2015. Una passione per la montagna che si è fusa con le competenze professionali e che è presente da tutta la vita: alla sua nascita, il nonno, Presidente della Sezione di Giussano, gli mise nella culla un paio di scarponi da montagna e una tessera del CAI.

CINÉMA DES GUIDES – BREUIL-CERVINIA
31 LUGLIO 2016