Si aggiudica il Grand Prix des Festivals Conseil de la Vallée l’emozionante storia dell’alpinista e velocista Quinn Brett, vittima di un grave incidente in parete che la costringe sulla sedia a rotelle.
La spedizione di successo delle guide alpine valdostane in Himalaya convince il pubblico per la categoria sport e si aggiudica anche il Premio C.A.I.

Scalata, sfidata, sconfitta e vincente, malata e tutelata, suonata e degustata. La montagna è stata l’assoluta protagonista del XXVI Cervino CineMountain, il festival internazionale del cinema di montagna che si è chiuso sabato sera con la cerimonia di premiazione nella suggestiva e gremita Piazzetta delle Guide di Valtournenche.

L’ultima delle matinées, sempre in piazza e in collaborazione con La Vagues, ha messo al centro il vino, quello eroico, prodotto oltre i 1000 metri da vignaioli animati dalla passione, che con impegno sfidano le difficoltà di produrre in condizioni a volte estreme. Protagonista d’eccezione, davanti ad un pubblico numerosissimo, Edoardo Raspelli, volto storico del giornalismo enogastronomico, conduttore per ventuno anni del programma tv di successo Mela Verde su Canale 5, e uno dei più celebri e storici critici gastronomici italiani. Con umorismo, conoscenza ed esperienza ha raccontato le eccellenze del territorio valdostano, in una interessante chiacchierata con Giulio Moriondo, studioso e vignaiolo valdostano, creatore dell’azienda ViniRari, lo scrittore e attore di cinema e teatro Giuseppe Cederna, e Ilaria Bavastro, vignaiola e fondatrice di Le Vieux Joseph.

Ma è stata un’edizione ricca di emozioni quella che si è chiusa sabato a Valtournenche, iniziata con “Le otto montagne”, raccontato da Alessandro Borghi, protagonista del film successo mondiale insieme a Luca Marinelli. Negli otto giorni di festival sul palco si sono alternati alcuni tra i maggiori conoscitori del mondo delle Terre Alte, da Marino Giacometti a Bruno Brunod, gli alpinisti Hervé Barmasse, Anna Torretta, Edu Marin, François Cazzanelli, Yannik Graziani, Emrik Favre, Stefano Stradelli e Rinaldo Carrel, e poi l’attore Giuseppe Cederna, protagonista di “Mediterraneo”, i giornalisti Linda Cottino e Marco Albino Ferrari, conduttore storico di Melaverde, il funambolo Nathan Paulin e tanti altri. Insieme a loro anche registi, sceneggiatori, attori e produttori che hanno scelto il festival ai piedi del Cervino per incontrarsi e presentare le loro opere cinematografiche.

E poi, ovviamente al centro, le proiezioni delle 53 pellicole – 50 in concorso e 3 fuori in concorso – selezionate tra le oltre 450 arrivate da 90 Paesi diversi, di cui 23 anteprime – tra italiane, mondiali e internazionali.


I vincitori della XXVI edizione del Cervino CineMountain

Il film americano “AN ACCIDENTAL LIFE” si aggiudica quest’anno l’Oscar del cinema di montagna, il Grand Prix des Festivals Conseil de La Vallé, assegnato alla migliore tra le opere vincitrici dei principali Festival di settore. Il documentario della regista Henna Taylor è un ritratto profondamente personale e vulnerabile di Quinn Brett, un’ambiziosa arrampicatrice da record che si sforza di dare un significato alla sua tragedia. Mentre era all’apice della sua carriera atletica, l’alpinista e velocista ha vissuto uno degli incidenti più traumatici nella storia dell’arrampicata su roccia, che la lascia paralizzata dalla vita in giù e la costringe a mettere in discussione la sua identità e la sua comunità. L’esperienza vissuta, condivisa attraverso questo film, sfida a riconoscere gli stereotipi e forse ad affrontare alcuni dei pregiudizi legati al privilegio dei normodotati e alla profonda trasformazione.
Motivazioni: “Una storia di determinazione e coraggio. Una tragedia che potrebbe fermare la scalata verso il successo della protagonista. Ma che offre anche una nuova visione del suo futuro e della sua nuova identità. Per la delicatezza e l’attenzione con la quale il regista affronta questa storia di fragilità, il premio va a An Accidental Life”.
Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=YSP0EKgaWeo

Menzione speciale a THE LAST MOUNTAIN, film dell’inglese Chris Terrel, drammatico racconto della storia dell’alpinista britannico Tom Ballard, scomparso insieme a Daniele Nardi mentre tentavano di salire il Nanga Parbat, in Pakistan, nel febbraio 2019. Tom era figlio dell’alpinista Alison Hargreaves, anche lei tragicamente deceduta durante una spedizione sul K2 nel 1995.
Motivazioni: “Con immagini attuali e un vasto archivio, il regista introduce lo spettatore nell’intimità della famiglia Ballard-Hargreaves. Riflessivo e crudo, esplora, senza concessioni, la natura stessa del lutto”.
Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=39EHWdQcV6U


Al suo primo lungometraggio, il danese Christian Einshøj si aggiudica il Premio Montagne del Mondo con THE MOUNTAINS, l’emozionante spaccato della sua famiglia distrutta da una tragedia e ricostruita in 30 anni di home-video, 75.000 foto di famiglia e tre costumi da supereroe attillati, tra le ferite nascoste lasciate sulla sua scia. È una storia di padri e figli, di vaste raccolte di francobolli e riprese amatoriali, di voli a lunga distanza in business class e di tutti gli altri modi in cui fuggiamo, invece di parlare di ciò che fa male – e della redenzione che può seguire quando il silenzio viene rotto e forse finalmente riescono ad arrivare dall’altra parte delle montagne. Il film ha vinto anche il Premio del Pubblico di Valtournenche nel Concorso Internazionale.
Motivazioni: “Una storia di padri e figli. Di una famiglia distrutta che riscopre i suoi legami attraverso video amatoriali e vecchie foto dimenticate. Una tragedia che sembrava aver rotto per sempre le relazioni tra i protagonisti, che la videocamera segue con delicatezza e maestria. Per la capacità del regista di tessere una trama narrativa capace di riunificare una famiglia, il premio va a The mountains”.
Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=EAuKIzLbUww

Menzione speciale a MOUNTAIN MAN, di Arun Bhattarai. La pellicola segue i numerosi viaggi dell’unico glaciologo bhutanese, Phuntsho Tshering, che ogni anno raggiunge gli angoli più remoti dell’Himalaya, per raccogliere dati sul rapido scioglimento dei ghiacciai, dovuto al cambiamento climatico. Yangchen, sua figlia di 11 anni, lo vede scomparire per mesi ogni anno, da quando riesce a ricordare. Durante le sue estenuanti escursioni, l’unico sollievo di Phuntsho è condividere con sua figlia undicenne le proprie avventure, attraverso i filmati che le invia dal cellulare.
Motivazioni: “Per la semplicità e la purezza stilistica con cui il regista, nel suo primo lungometraggio, riesce a raccontare la storia di un uomo disposto a rinunciare a tutto pur di proteggere e difendere la sua montagna”.


Tradizione, storia e riti sono al centro di CARNE ET OSSA, di Roberto Zazzara, Premio Montagne d’Italia, documentario ambientato a Pacentro, un paesino arroccato tra i monti abruzzesi, dove da secoli si tiene una corsa unica in cui gli uomini del paese si lanciano da un dirupo fatto di roccia viva, e corrono giù fino al torrente, per poi risalire. È una corsa crudele, che si corre scalzi. Il primo che entra in Chiesa vince la cosiddetta Corsa degli Zingari. Un rito ancestrale le cui origini si ignorano, al quale si partecipa per motivi spirituali o materiali, legati all’indissolubile rapporto tra natura e uomo.
Motivazioni: “Straordinario come un documento antropologico e avvincente come un film d’avventura. Le mille voci di una chiamata, tra arcaica sacralità, coraggio e resistenza al dolore, che mette alla prova i piedi e l’appartenenza di un’intera comunità. Un piccolo villaggio d’Abruzzo di cui, grazie a questo film, non dimenticherai più il nome.
Trailer: https://www.movietele.it/video/carne-et-ossa-trailer-film-roberto-zazzara


Vince il Premio Montagne tout-court, per il miglior cortometraggio, il film di animazione spagnolo EGOLAND, di Ignasi López Fàbregas, che con un tocco di umorismo nero toglie il velo su uno dei temi più delicati nel mondo dell’alpinismo, il ruolo della comunicazione. Marek Molek e Bruno Grassi stanno per raggiungere la vetta del Grande Troll, l’ultima e più difficile montagna vergine. Un forte temporale, la stanchezza e le cattive condizioni della neve impediscono loro di raggiungere la vetta per pochissimo. Bruno e Marek discutono sull’opportunità o meno di dire la verità. Durante la pericolosa discesa, uno dei due cerca di convincere l’altro con tutti i mezzi. Nel frattempo, Scott Bacon, l’inviato speciale che copre la notizia, non riesce a contattarli e li aspetta con ansia al campo base.
Motivazioni: “Un meticoloso lavoro di animazione stop-motion che, con acuta ironia e una scelta musicale appropriata, mostra l’ego nel mondo dell’alpinismo”.
Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=ZaYgnKq_zjs

Menzione speciale a FOOTSTEPS, il nuovo film con Manu Delago, protagonista di “Parasol Peak”, trionfatore del Cervino CineMountain 2018. Il musicista e compositore, candidato ai Grammy Awards, ripercorre le sue origini tirolesi, la sua carriera internazionale e il suo amore per la montagna. Nel film, accompagnato della cantante britannica Isobel Cope, Manu insegue un nuovo sogno per unire in un’unica performance le sue passioni.
Motivazioni: “Pur nel breve tempo di un cortometraggio, il film riesce a dare un perfetto equilibrio narrativo potenza, nitidezza dell’immagine che ci riporta alla purezza della montagna e suoni musicali perfetti. Per questo la menzione speciale va a Footsteps”.
Trailer: https://www.facebook.com/watch/?v=1382170672298054


Il rapporto mutevole con la natura è al centro di NÁTTÚRUBÖND, dei registi Sven Peetoom, Gríma Irmudóttir, Jonathan Damborg, vincitore del Premio Sony per la miglior fotografia. Gli scenari straordinari dell’Islanda fanno da cornice ai quattro protagonisti – un attivista, un ballerino, uno scienziato e un biologo – che si lamentano per la perdita della bellezza e indagano il loro legame con il paesaggio.
Motivazioni: “Un invito alla meditazione e all’ascolto. Al ritorno nei luoghi della durata. Essenziale, cristallina sintesi di pensiero e bellezza naturale. Meraviglia e fragilità. Il corpo della terra è il nostro corpo. Anche la cinepresa ha pelle e cuore. E che occhio!”.
Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=EN0BC3eOJDY


Nella nuova sezione versante sport grande successo per PEAKS OF ENERGY, l’avvincente racconto della spedizione valdostana in Pakistan nell’estate 2022 che si aggiudica il Premio C.A.I. ma anche il Premio del Pubblico per la categoria. Sei Guide Alpine locali tentano la scalata, senza ossigeno, di tre montagne del Karakorum (K2, Nanga Parbat e Broad Peak). Nella pellicola di Matteo Forzano, Damiano Levati e Matteo Vettorel le ambizioni personali si intrecciano con legami di amicizia, lavoro di squadra e comunità, sfidando la natura individuale dell’alpinismo himalayano.
Motivazioni giuria C.A.I.: “Il documentario si apre al concetto di bellezza, intesa come piacere nel vedere la gioventù al meglio delle virtù dell’uomo: determinazione, etica, supporto, responsabilità, condivisione e resilienza come dice lo stesso filmato. E noi condividiamo con piacere ciò che ci appare buono ed inevitabilmente bello. Perché ne abbiamo un assoluto bisogno”.
Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=t-9g7vTe4Xs


Il Premio del Pubblico Grand Prix Circuit, il più votato tra i Grand Prix proiettati nel circuito itinerante del Festival a Chamois e La Magdaleine, va al film russo LIFE OF IVANNA, di Renato Borrayo Serrano, l’intimo racconto di emancipazione di una giovane donna. Ivanna, madre di 5 figli, vive e lavora nella tundra artica insieme alla popolazione dei Nenets. La convivenza con un marito alcolista e le estreme condizioni di vita legate al territorio la spingono a trasferirsi in città per ritrovare un nuovo equilibrio interiore.
Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=0onexJOLPw0


Il giovanissimo pubblico del Cervino CineMountain assegna il Premio CineMountain Kids, film di animazione più votati dai più piccoli, a BOOM, di Gabriel Augerai, Romain Augier, Laurie Pereira De Figueiredo, Charles Di Cicco, Yannick Jacquin (Francia, 2022, 6’), in cui una coppia di ingenui uccelli fa del suo meglio per proteggere le proprie uova dall’eruzione di un vulcano.